Post

Roma a sangue freddo

Immagine
Sono tornata da Roma da molto tempo e finalmente posso scriverne  senza tradire emozione.
E' stata una bellissima settimana, con esperienze variegate, anche perchè avevamo moltissimi impegni di diversa natura, ma diversamente dalla piccola vacanza di dicembre ora a Maggio abbiamo vissuto a Roma un po' meno da turisti.
Avevamo un bell'appartamento e ciò ci ha reso più romani e meno "ospiti". Abbiamo frequentato meno i ristoranti, e ci siamo arrangiati di più come se fossimo a casa e questo un po' mi è dispiaciuto perchè avrei preferito abbondare di Amatriciane e Carbonare, ma pazienza.
Visto che siamo stati più romani, abbiamo vissuto il traffico e soprattutto il rumore di Roma, cosa che l'altra volta non avevo assolutamente provato, anzi mi era parsa una città così vivibile! Invece appena tornata a casa il silenzio della mia città mi è parso sacro e meraviglioso. Mi sono sentita come Orazio quando descrive il rumore di Roma e non vede l'ora di tornar…

Stelle Nere

Immagine
Lo scorso anno con il bonus del docente ho rimpinguato la mia personale biblioteca con una serie di libri sull'Africa che non ho poi avuto il tempo e ahimè la voglia (a causa di brutte situazioni lavorative intercorse da settembre ad oggi) di leggere. Poi non so come mi è capitato di prendere nella fretta del mattino questo libro, anche se volevo Ebano, ma non l'ho trovato nel buio.
L'ho letto quasi tutto d'un fiato, ricordando che ho avuto più di uno studente dal Ghana, ma mai nessuno dal Congo.

Leggendo le parole di Kapuscinski mi rendo conto quanto poco sappiamo della decolonizzazione e di quello che avviene in Africa e di quanto ci appare facile dire "statevene a casa vostra". Forse dovremmo leggere di più, capire, studiare, prima di dirlo. Troppo difficile.

Nelle prima pagine Kapuscinski parla del Petit Blanc che va in Africa per un qualsivoglia motivo e si ammala, si ammala di quello che io ho sempre chiamato mal d'Africa e fa di tutto per tornare …

L'Olpe Chigi e il Museo di Villa Giulia

Immagine
Il giorno del mio compleanno non sono riuscita ad entrare a Galleria Borghese perchè mi sono dimenticata di prenotare per tempo e quando me ne son ricordata ahimè non c'era più posto, quindi siamo andati al Museo di Villa Giulia, peraltro bellissimo e vuoto.
Le prime sale sono ricche di ceramiche. Ceramiche a decine. Di ogni fattura e molte perfettamente conservate. Venivo da Tarquinia, avevo negli occhi quelle magnifiche pitture e i motivi così stravaganti: leopardi e altri animali non proprio delle nostre latitudini, quindi a Villa Giulia ho osservato con attenzione le ceramiche provenienti da tutto il mediterraneo e vi ho ritrovato i soliti motivi, i soliti animali. Sono sincera, ero più attirata dai motivi che dalle ceramiche in sè, infatti ne ho fotografata solo una, piuttosto insolita, con  decorazione geometrica alternata a denti di lupo e due fasce decorate con sogliole. Ebbene si sogliole. L'ho trovata davvero bizzarra e insolita tanto da attirare la mia attenzione f…

Lo sapevi che I love you?

Immagine
Ne so qualcosa di padri che vivono in una città piovosa , in questo caso Portland Oregon, e poi si trasferiscono in un bellissimo posto soleggiato e vivono da nababbi, in questo caso Los Angeles California, ma questo non ha pregiudicato il mio giudizio sul libro.
Più volte ho detto che ho bisogno di cosette leggere da leggere alla sera dopo il brutto della mia vita e questo tipo di libri mi risolleva molto alla sera prima di dormire.
I Topoi sono più o meno sempre gli stessi, ma non mi importa, sempre meglio che un reality alla tv.

Eden deve andare in vacanza da suo padre a Los Angeles, suo padre ovviamente si è risposato con una donna che ha tre figli e lei si innamora del maggiore. Ma ovviamente capiscono che non possono stare insieme e nonostante la forte attrazione decidono di troncarla lì. La mamma di Eden però decide ditrasferirsi anche lei a LA lasciando la triste Portland. Il libro finisce qui. Avrei dovuto leggere tutto d'un fiato anche il secondo e il terzo, ma quando h…

Un anno è passato

Immagine
Ci sono delle date importanti della mia vita, una è proprio oggi, il 14 maggio. Il nonno è morto il 14 Maggio 2011. Non dimenticherò mai quel giorno, mai e poi mai... Mio marito è tornato a lavorare casulamente proprio il 14 Maggio dopo quasi 1000 giorni di inattività dopo il suo infortunio e non credo che sia un caso. Il 14 maggio di un anno fa andavo per la prima volta con i compagni di classe di Rachele a fare una grigliata, la prima di tantissime mangiate con quelli che oggi considero i miei amici. Ieri abbiamo replicato casualmente, stesso luogo, stessi amici e ho pensato che il nonno, anzi i nonni da lassù ci abbiano messo lo zampino a farmi capire che la vita che avevo prima non esiste, è inutile che vado cercandola, oggi ne ho una decisamente migliore. Ho tutto quello che mi serve. Un marito, due bellissime bambine e un gruppo di persone bellisse e fantastiche pronte a far casino come mai nella mia vita ho avuto. Cosa voglio di più? Cosa sto cercando ancora? Non lo so neanche…

Recap di Aprile

Immagine
Aprile è stato un mese molto bello, con un lunghissimo ponte che abbiamo passato tra amici in giro per la nostra bellissima provincia e poi con una settimana a Roma. Tre settimane di stacco dal lavoro dopo un brutto litigio che mi hanno portato a maturtare la decisione di andare via dalla scuola che consideravo mia e da cui non me ne sarei andata per nulla al mondo. Ma nella scuola un anno non è mai uguale all'altro, c'è molta mobilità e la buona scuola non ha cancellato ma semmai implementato il precarito e di fatto la mobilità degli insegnanti e questo ha portato a modificare le squadre di lavoro. Quest'anno il giocattolo si è rotto e io ho deciso di lasciare, di cercare un nuovo posto dove stare meglio, soprattutto per me stessa. 
Ci siamo goduti lo Spring Break tra 5 terre e Lunigiana, non come avrei voluto perchè l'allergia ci ha un po' fermati a causa del caldo improvviso. Abbiamo fatto i primi bagni e lunghe camminnate in mezzo ai turisti di tutto il mondo,…

Tagore, Poesie e Canti

Immagine
Questo è uno dei tanti libri acquistati sulle bancarelle dell'usato, probabilmente acquistato in blocco, se avessi dovuto sceglierlo non credo che lo avrei mai scelto, la poesia Indiana in questo momento non mi interessa. Mi è capitato fra le mani perchè era a portata di mano in un momento di fretta prima di andare al Liceo e mi serviva un libro, non ho nemmeno fatto caso a quello che stavo prendendo.
Quando sono al Liceo sono pronta a leggere di tutto, anche l'etichetta dello shampoo quindi va bene anche un libro di un poeta indiano che parla di una cultura così lontana dalla mia. Mi ha fatto riflettere, non lo posso negare, mi sono soffermata più volte. Ho anche tratto alcune parti interessanti, non posso nasconderlo, per appuntarle sull'agenda. Però la mia esplorazione finisce qui.

Depressione?!? Chi, io?

Immagine
Mi hanno detto che ho la depressione. Stento a crederci. In un certo senso non mi sono mai sentita meglio. Ci sono momenti in cui sono estremamente triste, momenti in cui ho scatti incomprensibili, momenti in cui mi affogherei volentieri nell'alcool, ma in genere io mi sento bene. Per la prima volta mi guardo allo specchio e non mi faccio poi così schifo. Non ho poi sempre così fame e so resistere alle tentazioni del cibo.  Ho un sacco di persone attorno proprio belle, persone che sento simili a me e con cui mi piace stare. Ho sempre tante cose da fare. Il lavoro non è bellissimo, ma quello potrebbe cambiare. Non ho bisogno di shopping complulsivo.  Non ho nessun bisogno compulsivo perchè mi sento attorniata da tante persone che sento che mi vogliono bene e non mi fanno mai sentire sola, che mi spronano a superare i miei limiti e non mi lasciano mai indietro. Non avevo mai avuto intorno tante persone così belle capaci di non farmi mai sentire a disagio, in più, fuori posto. Forse…

L'inventore di sogni

Immagine
Avevo comprato questo libro a Vittoria, ma lei non ha mai trovato il tempo di leggerlo così l'ho fatto io per prima. Diverso dagli altri libri di Ian che ho letto, ma molto affascinante. A dire il vero non saprei neanche se piacerebbe a Vittoria, lei legge altre cose, forse questo sarebbe un libro più adatto a Rachele, ma è ancora troppo piccola.

Mi sono segnata una frase, a mio avviso incarna un po' tutto il libro: " Se ti unisci alla compagnia, la gente sa cosa ti passa per la mente, perchè è la stessa cosa che sta passando per la mente degli altri".

Come in ogni libro ogni lettore può trovarci se stesso, o chiunque, oppure una semplice storia. Nell'inventore di sogni ho trovato un pezzettino della me stessa odierna, che non è più una bambina, eppure si trova a fare sogni ad occhi aperti in continuazione, ma non può fare una professione, ma ahimè deve scontrarsi con la dura realtà. Un bambino invece può invece incanalare questa grande capacità in qualcosa di g…

Riprendere il lavoro

Immagine
Non è facile riprendere a lavorare dopo una pausa di ferie così lunga e soprattutto con la consapevolezza di aver fatto domanda di trasferimento.  La vacanza a Roma mi ha donato moltissima gioia, ha cancellato moltissimi mostri che avevano preso residenza nella mia anima, ma le lacerazioni rimangono, le ferite restano, soprattutto le cicatrici sono lì ancora fresche.  Il viaggio è un balsamo, la mia medicina. Ma non cancella. Il viaggio cura il mio demone, spero solo che questa cura mi porti fino alla fine del mese, perché manca solo un mese, poi avrò davanti una lunga pausa e poi un nuovo inizio. Un solo mese.  Poi un nuovo inizio. Una nuova scommessa. Posso farcela.  Devo farcela.

Una bellissima giornata

Immagine
Oggi è stato il nostro ultimo giorno a Roma e siamo andati in piazza San Pietro ad assistere all’Angelus di Papa Francesco. È la terza volta che proviamo a vedere il papa e finalmente ci siamo riusciti! Vederlo affacciare alla finestra, sentire la sua voce riecheggiare per tutta la piazza è stata un’emozione unica. Rachele ha stampato sul viso un sorriso che non le ho mai visto, nemmeno la mattina di Natale davanti ai regali. È stata così felice di vedere il Papa, si sentire la sua voce. Finalmente siamo riusciti!  Dopo l’Angelus siamo tornati a casa, il nostro soggiorno romano è finito. Siamo stati benissimo. Forse più avanti ne parlerò meglio, con meno emozioni e più lucidità. Sulla strada del ritorno ho mandato un messaggio a Radio Deejay, uno dei tanti che ho sempre mandato nei 25 anni di ascoltatrice fedele, è proprio oggi sono stata richiamata e mandata in diretta! Ero impacciata ed emozionata, ma chi se lo aspettava! Che regalo! Certo che da quando siamo andati a Roma la prima…

Entrare in ogni chiesa, fatto

Immagine
Per questa giornata ho preferito il brain storming. Ovvero dopo il Museo di Villa Giulia abbiamo vagato per Roma a casaccio entrando in tutte le Chiese che trovavamo e andando un po’ dove capitava. Così abbiamo visto non so quante Chiese, molte solo per riposarci un pochino, visto che abbiamo camminato per 16 km, molte con l’intento. Ho cercato Sant’ Andrea al Quirinale e poi anche San Carlino alle quattro fontane , ma era chiusa. Delusione immensa. Ci tenevo davvero tanto a visitarla, ma è aperta solo al mattino. Poi siamo sbucati Trinità dei Monti e siamo scesi in piazza di Spagna. La scalinata era gremita di persone e di Spose! Ne abbiamo viste tantissime ! Dalla Camera siamo saliti al Quirinale e ci siamo imbattuti nel cambio della guardia con tanto di fanfara! Bellissimo. Non poteva poi mancare una puntatina all’altare della Patria e ai Fori, dove ci siamo fermati alla bellissima Chiesa dei Santi Cosma e Damiano. Senz’altro la migliore della giornata, per me. Da questa Chiesa si…

La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola

Immagine
Questo titolo e questa copertina mi hanno fregata, mi hanno illusa che potesse trattarsi di un bellissimo romanzo semplice da leggersi la sera prima di dormire, invece si tratta di un banalissimo libro self-help travestito da romanzo.

Faceva bruttissimo fare un manuale dove insegnare ad essere felici con un ennesimo metodo, allora come fare a rendere accattivante il prodotto commerciale? Facciamo del metodo un romanzetto in modo che poi la paccottiglia self-help rimanga riassunta nelle ultime pagine.

Potete dedurre che il libro non mi è piaciuto, che non vi consiglio minimamente di leggerlo a meno che non vi piaccia il genere e non siate alla disperata ricerca di un modo qualsiasi di cambiare la vostra vita e non sapete proprio come fare.
In seconda battuta: devo smettere di andare in libreria e farmi catturare dalle copertine. Devo iniziare a prendere in mano i libri e a sfogliarli. Perdere qualche minuto prima di decidere. Visto che leggo un po' di meno devo leggere meglio.

Di nuovo a Roma

Immagine
Sono di nuovo a Roma. Stavolta niente Hotel, ho un bel appartamento di 4 ampi vani vicino al Vaticano. Potrebbe comodamente essere casa nostra, manca giusto una stanza per essere perfetta per noi. Mi da l’impressione di non essere una turista ma di essere una Romana de Roma.  Peccato che tolta la meraviglia dei primi attimi il traffico, l’assenza di parcheggi, il rumore e ahimè anche la rumenta mi facciano rimpiangere la mia cittadina di provincia e il suo profumo di salsedine, perché la mia città sa di mare, sempre. Però dalla mia finestra vedo il cupolone, penso a Michelangelo e per un po’ posso barattarlo con la noiosissima salsedine che impesta il mio naso 365 giorni all’anno. Ho deciso che frequenteremo pochissimo gli hotel d’ora in avanti. Troppo impersonali, poco attenti alle famiglie. Meglio una casa, più spazio per vivere e rilassarsi. La stanza dell’hotel è troppo piccola per una famiglia come la nostra, abbiamo bisogno di spazi articolati, magari anche di una cucina per pr…

La Necropoli di Tarquinia

Immagine
Oggi abbiamo visitato la Necropoli di Montirozzi dove si trova la famosissima tomba estrusiva detta dei Leopardi. Era una vita intera che volevo visitarla e oggi ci sono riuscita. Non posso descrivere la mia emozione. Ieri sera non riuscivo a prendere sonno. Al solo pensiero di recarmi in una necropoli etrusca stavo male, la sindrome di Stendhal si faceva sentire solo al pensiero di trovarmi lì. Le tombe dipinte sono la mia passione. Fra tutte le cose che ci sono nell’arte, il culto dei morti è la cosa che mi affascina di più in ogni civiltà. Poi che dire degli Etruschi? Un popolo che da sempre ammiro a cui dedico sempre larga parte del mio programma, forse anche troppo, sottraendolo ai Greci.  Oggi poi quando mi sono trovata di fronte a queste pitture mi è mancato davvero il fiato. Quanta bellezza sopravvissuta al tempo.  La tomba dei Leopardi è sicuramente la più bella, ma anche le altre... tutte bellissime.  Vittoria venerdì prossimo avrà la verifica sull’arte etrusca e oggi ha p…

Numb, Richard

Immagine
Più che il trezo capitolo della serie questo è il volume 0.5, e io che leggo i libri in tassativo ordine avrei preferito leggerlo prima di Anna, anche perchè finisce prima dell'arrivo di Anna all'aereoporto e spiega tantissime cose che accadranno poi, anche se in oridine di pubblicazione è uscito per terzo. Ma è lo stesso, è bello esattamente come gli altri due. Inutile dirlo, io ho un debole per Richard, tifo sempre per l'altro. Richard mi piace tantissimo e avere un libro intero solo dedicato a lui è bellissimo. Anche questa volta l'ho letto interamente con la musica sottofondo, parole e musica sono davvero un tutt'uno, non credo che possano staccarsi.

Anna, Nicolas e Richard mi mancheranno, tanto davvero.

Seguirli da lontano

Immagine
Da brava prof, una volta che ho diplomato i miei alunni, li guardo da lontano anche se non li ho più in classe. Ho perso il conto di quanti alunni ho avuto e chissà quanti ne ho dimenticati, ma ne ho alcuni a cui tengo particolarmente e che mi fanno sapere i loro traguardi con regolarità. Di alcuni incontro i genitori e sono proprio loro ad informarmi dei loro figli e della fine che hanno fatto.

In questo periodo ho ricevuto ben due lettere di assunzione a tempo indeterminato che mi hanno riempito il cuore di gioia. Se le sono meritate!

Ho raccolto un sogno di vita pienamente realizzato e sono tanto contenta per lei, ha lavorato duramente e ora è felice e ha il lavoro che desiderava.

Sono zia di moltissimi nipotini, tutti bellissimi. Li ho seguiti dall'ecografia fino alla nascita e li vedo crescere, sia mai che un giorno siederanno come i loro genitori al banco davanti alla mia cattedra...
Ora c'è una ragazza che aspetta un maschietto da poco, c'è una femminuccia in arriv…

I Sentieri: Vernazza - Corniglia

Immagine
La primavera è la stagione delle camminate. Quando è ancora troppo freddo per la spiaggia, ma abbastanza bello per stare all'aperto cosa c'è di meglio che una bella camminata all'aria aperta?
Dopo 17 anni, ovvero da quando hanno messo a pagamento i sentieri delle 5 Terre, abbiamo rifatto il tratto Vernazza - Corniglia a piedi con un gruppo di amici.

Lo ammetto, nonostante abitiamo qui a due passi, frequentiamo pochissimo le 5 terre, generalmente solo tra Gennaio e Marzo, quando i turisti sono quasi del tutto assenti, perchè a volte la calca è davvero insostenibile e noi siamo liguri: la gente proprio non possiamo sopportarla, quindi preferiamo posti più tranquilli. Però Quest'anno... abbiamo voluto riprovare. Certo anni fa fare il sentiero era molto più bello, eri solo, adesso sembra di essere in una via del centro e si incontrano persone vestite in modo tecnico, ma anche americane in vestiti corti e ballerine! Non che il percorso richieda particolari attenzioni, ma a…

Il cambio Armadi

Immagine
Quest'anno il caldo è arrivato all'improvviso e quindi non ho potuto togliere le cose man mano, ma mi sono trovata improvvisamente a cercare la roba corta dall'oggi al domani.
Quest'anno poi ho suberato anche la prova costume, mi trovo ben 15 chili in meno rispetto ad un anno fa e quindi tutti e dico tutti i vestiti che ho sono dei sacchetti immensi e informi.
Alcuni li ho tenuti, altri li ho rimessi via, ho paura di ingrassare di nuovo e non vorrei trovarmi senza niente, altre volte sono dimagriga e presa dall'euforia ho buttato tutte le cose larghe per poi trovarmi senza niente e dover ricomprare tutto.
La cosa bella è che ho potuto tirare fuori cose che non mettevo da  secoli, da prima che mi sposassi e che quest'anno sono tornate di moda. Mi fa sentire così bene mettere il mio giubbino di Jeans dell'università, compagno di mille viaggi in treno, le mie gonnelline di jeans, e tante cose che avevo conservato in attesa di rientrarci. Sono passati tantissi…

Exit west

Immagine
Sono molto felice di aver trovato questo libro e ancor di più di averlo letto. E' un libro bellissimo e non so da dove l'ho pescato ma sono felice di averlo trovato perchè con semplicità assoluta e magia racconta uno dei drammi dei nostri giorni: la guerra e l'immigrazione.

Non vorrei anticipare nulla, non vorrei scrivere nulla se non il consiglio che mi giunge dalle viscere: Leggetelo.
Affronta con semplicità i nostri drammi, li affronta come se fossero una fiaba moderna, a lieto fine, oppure no, quello lo dobbiamo capire noi, perchè il libro ci porta a riflettere, riflettere tanto. Mi sembra di aver conosciuto tanti Saeed e Nadia in questi anni, di averli incontrati nei loro peregrinare da una "porta all'altra", di conoscerli prima di averli letti, perchè questo libro mi parla del mio oggi, di quello che vivo. Non solo Lahore, ma la Siria, il Mali, qualsiasi paese.

Molto bella questa intervista a Hamid, perdete un po' di tempo e leggetela. Sento tanti …

Un libro che parla di sport

Immagine
La Reading Challenge mi serve per riesumare dalle mie tbr libri che alla fine non riesco a leggere mai per una ragione o per l'altra.  Sono anni che devo leggere Open di Agassi, è uno dei primissimi libri che ho preso da quando leggo in digitale ed è rimasto lì. Da quando leggo in digitale? Almeno 5 anni. Quindi forse è arrivato il momento no? Ormai si sa che questo libro non lo ha scritto lui ma un ottimo ghost writer, ma il libro è sempre molto significativo.
Però ho anche febbre a 90 di Nick Hornby, caso mai cambiassi idea.

la TBR di MAggio

Immagine
qualche mese ho iniziato a stilare una lista di libri, almeno 10, da leggere il mese successivo, in modo da non trovarmi spiazzata la sera quando dovevo sceglierne uno. E la cosa mi è servita tantissimo, perchè ha fatto sì che in questi mesi le mie letture si indirizzassero su cose che mi interessavano davvero e soprattutto su libri che mi piacevano. Un mese fa volevo anche ridurre i libri da leggere nel 2018 tanto ero impantanata, secondo le statistiche di goodreafs non sarei arrivata neanche quest'anno oltre i 90 libri, mentre oggi I'm on track, arriverò a 100 se mantengo il ritmo.
Oggi ho iniziato a pensare ai libri di maggio.
Dalle passate TBR moltissimo è rimasto non letto, anche cose interessantissime, ma ho deciso che tutto quello che mi rimane indietro farà parte della tbr dell'estate, quindi ora volevo pensare almeno ad altri 10 libri nuovi per maggio. Difficilissimo.

Non ho spunti. 

A parte la Serie Again di Mona Kansten, non so cosa mettere.

Visto che oggi è 25…

Numb, Nicolas

Immagine
Ho letto Anna tutto d'un fiato con una gioia senza fine per aver trovato un libro che mi piaceva così tanto, poi ho iniziato Nicolas con lo stesso trasporto, ma con l'intento di provare un'emozione unica e mai provata, mentre leggevo ho messo le canzoni che danno il nome ad ogni capitolo. Ho i brividi ancora se ci penso. Bellissimo. Mi son Fatta la playlist su you tube e ancora quando mi faccio la doccia me l'ascolto e mi ricordo quanto è bello questo libro e quanto ho amato i protagonisti.

Non lo nascondo e non mi vergogno a dirlo, ogni sera prima di dormire avrei bisogno di un libro così, per rilassarmi, per sognare, per riposarmi, per staccarmi. Perchè leggere è questo: è piacere!. Poi ci sono momenti in cui dovrò leggere per aggiornarmi o per studiare, ma adesso ho solo bisogno di relax e di belle storie come questa.

La mangiacalzini

Immagine
Nel corso degli anni ho accumulato una serie di calzini spaiati e proprio non capivo dove potessero finire. Nel cortile non sono mai caduti. In casa nascosti in angoli remoti non ci sono, ma dopo l'esperienza di questi due giorni ho capito che è la lavatrice che si nutre di calzini.

L'altra mattina la lavatrice non ha finito il lavaggio. Mi diceva che il filtro era intasato e dovevo liberarlo. Così ho aperto quello sportellino (e chi lo aveva mai fatto) e insieme a litri e litri di acqua cosa è uscito? UN CALZINO! Dico io come è finito un calzino proprio lì? Sono tre giorni che mi chiedo come un calzino sia finito nel filtro della lavatrice.
Ma non è stato un episodio isolato. Due lavatrici dopo, emerge un calzino dilaniato, senza punta.  La punta non si trova. Potete immaginare dove è finita. Il povero calzino deve avere combattutto per non finire dentro il filtro ed è rimasto mutilato.

Ora ho il terrore che l'ennesimo calzino rimanga prigioniero del filtro, per cui ho r…

Il primo giorno di mare

Immagine
Senza avviso il caldo è arrivato e noi ne abbiamo approffittato subito! Siamo corsi nella nostra bellissima Bonassola per il primo Bagno della stagione come vuole la nostra tradizione familiare. Il primo e l’ultimo bagno in casa nostra si fanno sempre a Bonassola. L’acqua era gelida, fredda da fare male, ma la voglia di estate addosso era così tanta che il freddo non ci ha fatto paura. Vorrei vivere sempre così, estate 365 giorni all’anno, turisti in giro, spiaggia sempre disponibili, nuotate giornaliere,  forse sono nata nel posto sbagliato, forse dovevo nascere in California oppure a Miami.
Speriamo che la stagione sia finalmente iniziata, che il caldo sia arrivato, e che sia finalmente estate!!! Lo so che l’estate va dal 21 giugno al 21 settembre, ma per me l’estate è tutto quel periodo di tempo bello in cui si può andare al mare, stare fuori, divertirsi e soprattutto non avere freddo!

24 ore senza internet sul telefono

Immagine
24 ore senza internet sul telefono. 
Il mio iPhone praticamente inutile.
24 ore terribili.
Attimi vuoti senza la consolazione di Instagram, senza lo scorrere di immagini che a volte mi calmano.
Attimi vuoti senza poter leggere un articolo di arte, archeologia oppure attualità.
Attimi di disperazione da gestire da sola senza poter mandare un Whatsapp ad un’amica, anche solo a mio marito.
Un appuntamento come ai vecchi tempi per prenotare la cabina al mare per l’estate, senza telefonarsi, ma con un messaggio prima di uscire di casa e poi il Silenzio.
Ormai sono troppo dipendente dal mio iPhone per poter vivere senza.
Ho tutto nella mia mano e non vi posso rinunciare nella vita comune.
Un conto sono tre mesi su di un’isola deserta oppure quando sono alla fattoria, ma quando sono in città , quando vivo la mia vita, ho estremo bisogno di comunicare. Di accedere a tutto quello che ho nella nuvola. Ormai sono abituata a mettere qualsiasi cosa nella nuvola.
Lo confesso, i social mi…

Remember, un amore indimenticabile

Immagine
***Il post contiene molti spoiler***
Dopo tante lettura pesanti mi sono concessa un romanzo young adult del mondo di wattpad per risollevarmi un po' ma non mi ha presa come speravo. La storia in sé poteva essere davvero bella, peccato che non spicchi mai il volo, 384 pagine di attesa disattesi... ci si aspetta quasi un secondo terzo quarto episodio, ma è un volume auto-conclusivo quindi la storia è questa e finisce così.

Questa volta il protagonista è un ragazzo, Levi, dark australiano che perde l'amore della sua vita e non si riprende dalla tragica scomparsa e cade in un mutismo irreversibile. I suoi sono separati e ovviamente la mamma decide di inviarlo dal padre negli Stati Uniti per vedere se cambiando aria Levi guarisca. Ovviamente questo accade, me lo aspettavo, la trama è abbastanza ovvia. Sono rimasta un po' delusa dal tempo che ci mette Levi a cambiare, da quanto esita, da come si comporta da... ragazza. Ci rimugina, tentenna, non osa. Pensa e ripensa proprio come…

Un libro femminista

Immagine
Non sono una femminista. Anzi per certi versi credo che le donne abbiano perso qualcosa nella battaglia per la parità. Non credo che la raggiungeremo mai, noi rimarremo sempre madri e comunque saremo sempre chiamata a fare una scelta fra noi stesse e il figlio che abbiamo generato. A parte il mio personale punto di vista, potrei leggere qualcosa che mi facesse cambiare il mio punto di vista, ma non credo, la realtà di ogni giorno è troppo forte perché un singolo libro possa farmi cambiare radicalmente idea. Un libro fortemente femminista che ho già letto, molto bello, é Una Donna di Sibilla Aleramo. Una scelta contro corrente in questo campo potrebbe essere Piccole Donne. Non l'ho mai letto. Sono arrivata tardi al piacere della lettura e mi manca tutta la letteratura per l'infanzia. Perché proprio Piccole Donne? Perché mette in discussione il patriarcato, perché è un romanzo di iniziazione: ti porta a scoprire quello che sei e quello che puoi essere e forse in qu…