Noi due come in un romanzo

Paola Calvetti mi fu consigliata da Goodreads in base ai miei gusti, e posso affermarlo con franchezza Goodreads non sbaglia mai in un consiglio. A suo tempo lessi Olivia, ovvero la lista dei sogni possibili e mi era rimasto un piacevole ricordo. Complice la lista della Reading Challenge 2017 che ti sprona a leggere un libro che da troppo tempo stagna nelle tue tbr, l'ho messo in cima ad un ideale lista di libri da leggere immediatamente. Così dopo l'ennesimo libro deludente ho preso in mano questo libro, molto lungo ma molto bello. Può essere inteso come un romanzo epistolare, perché nella narrazione la maggior parte del tempo è concesso allo scambio epistolare fra i protagonisti. E' un romanzo dei nostri tempi perché esplora bene il concetto del Complesso di Telemaco che mi è molto caro in questo periodo. E' un romanzo pieno di romanzi, perché la protagonista è una libraia. Una libraia con le palle, mica le smidollate che ho incontrato finora e mi hanno condotto alla decisione di non leggere mai più, o almeno per un po', romanzi che abbiano nel titolo la parola "libreria". Emma è forte, colta, speciale e si merita il suo happy ending.
E' un libro travolgente, che ti prende davvero, che entra nel profondo. Così tanto che avrei voluto averlo di carta per sottolineare tutti i consigli librari da riprendere poi nei giorni in cui mi perdo e non trovo un buon libro da leggere.


Emma sta per raggiungere la fatidica soglia dei cinquanta, ha un figlio adolescente, un ex marito e una brillante carriera, quando decide di rivoluzionare la sua vita - e quella di molti altri. Nei locali avuti in eredità da una zia, nel cuore di Milano, apre una libreria: si chiama "Sogni&Bisogni" e venderà solo libri d'amore... "Sogni&Bisogni" diventa presto il rifugio e il luogo d'incontro per una folla di personaggi: da Alice, trentenne e vivacissima aiutante libraia, a Gabriella - l'amica di sempre, il cui marito commercialista è il Nemico Fedele che veglia sui progetti di Emma ai tanti lettori, uomini e donne, giovani e anziani, che portano le loro vite fra i libri e così ne trovano di nuove. Ma, soprattutto, è grazie alla libreria e a una fatale coincidenza che Emma ritrova Federico, il grande amore della sua giovinezza.

Commenti

Post popolari in questo blog

Benvenuti a casa mia

Non posso guardare sotto

La piscina naturale