Jimmy della Collina

Sono arrivata a questo libro esplorando gli autori nel libro di letteratura dagli anni 50 ad oggi, ma leggendo la sua biografia... beh non ricordavo il suo nome, ma la vicenda l'ho già sentita e ora mi ricordo anche moltissime cose legate a Massimo Carlotto.
Mentre leggevo il Romanzo mi dicevo che l'autore doveva conoscere bene il carcere perchè lo descriveva con dovizia di particolari e con una precisione che oserei definire chirurgica e solo ora che ho letto la sua biografia capisco perchè il libro è così freddo, preciso e appunto chirurgico. E' un libro adatto ai ragazzi. Arriva profondo. O per lo meno a me è arrivato proprio profondo perchè io il carcere l'ho visto (da lavoratrice) e mi ha segnata così tanto e così profondamente che ho dimenticato tante cose della mia vita ma quei mesi da incarcerata da innocente (perchè per me era lavoro!) li ricordo nitidi e precisi in ogni aspetto. I rumori, le sensazioni e persino gli odori.
E' un libro corto, agevole, che volendo si legge in un'ora. Fatelo. Merita. E'anche un film, ora me lo guardo, quando  ho tempo.

Commenti

  1. Massimo Carlotto io l'A D O R O! E ho proprio voglia di rileggere qualcosa di suo, questo tra l'altro non lo conoscevo

    RispondiElimina
  2. e allora leggilo, ti basterà un'ora... mentre io mi porterò avanti con tutti gli altri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è in formato eBook ma lo prenderò di sicuro

      Elimina
    2. effettivamente anch'io l'ho letto di carta... uno dei pochissimi perchè ultimamente leggo tantissimo in ebook

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La leggenda del Santo bevitore

La piccola bottega dei ricordi, Annelise Corbrion

Allerta Rossa